BELOTTI, QUESTO SCONOSCIUTO


La crisi del gallo
immobiliare.it
RSS
Torino Stadio Grande Torino, 14/01/2019 -


E’ il capitano ed è il giocatore più rappresentativo del Torino. Prima dell’infortunio era considerato il perno insostituibile su cui puntare per quel progetto Europa che tanto sta a cuore al mondo granata. Su di lui il presidente Cairo aveva addirittura messo una clausola di 100 milioni di euro (solo per eventuale trasferimento in Europa), quale garanzia che il giocatore sotto contratto con il Torino potesse avere proposte anche indecenti dal punto di vista economico. Insomma, un giocatore da blindare per programmare attorno a lui il futuro del Toro. Oggi, a distanza di un solo anno o poco più, Andrea Belotti è irriconoscibile dal punto di vista psicologico. Infatti, superato il problema post infortunio e ritrovato il tono muscolare e la tenuta fisica, il gallo non pressa come una volta, non si butta con coraggio a carpire il pallone all’avversario e, soprattutto, in area di rigore è la pallida figura di ciò che è stato poco tempo fa. Il problema secondo noi non sta tanto nello sbloccarsi e fare gol, ma nella mancata convinzione mentale di volersi ritrovare. Sì, perché qualche gol l’ha pure fatto in questo campionato, tuttavia, come dicevamo, manca quel volere dare continuità del gol che ogni attaccante di razza ha per sua natura. Lui ha perso queste caratteristiche e, come tale, anche la squadra percepisce che qualcosa è venuto a mancare nel proprio capitano, il quale dovrebbe trascinare i compagni con carisma e senso di spiccata personalità. E invece ci si accorge che nell’attacco del Toro di Mazzarri, dopo qualche gol di Iago Falque non c’è più nessuno a buttare dentro i palloni. Quindi, tenuto conto di un Belotti fuori forma e di uno Zaza che non si è quasi mai visto per essere stato sempre impiegato a spizzichi e bocconi, non vediamo come questo Toro che pur ben messo in difesa e a centrocampo, possa in qualche modo concretizzare alcune trame di gioco che a tratti appaiono pure non occasionali ma sorrette da un gioco studiato anche in allenamento. Ma il gol che rappresenta tutto, non c’è. Questo è un elemento che a nostro avviso è penalizzante per un Toro che sistematicamente avvantaggia l’avversario e viene castigato. Così è successo in Coppa Italia contro la Fiorentina che al Grande Torino ha fatto semplicemente la sua onesta partita, ma furbescamente ha realizzato due gol in ripartenza con Chiesa ed ha estromesso così il Toro da una Coppa Italia che avrebbe avuto un significato immenso continuare, almeno in virtù della tanto agognata Europa. Intanto, in questi giorni di mercato, si parla di un interessamento di Belotti da parte della Roma per sostituire Dzeko. L’affare potrebbe costare alla Roma 50 milioni di euro, ma crediamo davvero che, vista la situazione economica che attraversa la società giallorossa, sembrerebbe un’idea e nulla più. E allora che può fare il Toro? Secondo noi ha il dovere di recuperare non solo il talentuoso capitano granata ma anche Zaza, che forse anche per timore di Mazzarri di affidarsi alla coppia d’attacco, non si capisce la sua inutilità. Una cosa è certa, stante questa situazione d’attacco, sarebbe opportuno che Cairo e Petrachi (assieme a Mazzarri) risolvessero questa situazione che è a dir poco penalizzante per un Torino che ha bisogno di stimoli, risultati, continuità, carattere e autostima. Almeno se si vuole ancora sperare in un piazzamento che porti in Europa e crescere anche come società. Si faccia in fretta però, perché certe decisioni nel calcio devono essere talora prese drasticamente e supportate da quella chiarezza che determina anche la personalità. L’indecisione è cattiva consigliera. Il Toro ha bisogno di fatti concreti. Adesso, non domani.

Salvino Cavallaro

Salvino Cavallaro


    Le nostre Esclusive

    notizie calcio
    Giro d`Italia: a Caltagirone la spunta il belga Wellens
    di Ivano Messineo, Mercoledì 09 Maggio 2018
    Il Conte pensiero
    di Salvino Cavallaro, Mercoledì 21 Maggio 2014
    Tosi: «Contento di aver fermato il Messina. Il Milazzo ha subito uno scippo»
    della nostra redazione, Venerdì 25 Ottobre 2013
    Tosi: «Saremo pronti per il Messina»
    della nostra redazione, Lunedì 23 Settembre 2013