ROMA E DI FRANCESCO, MALA TEMPORA CURRUNT.


L`analisi del difficile momento della società giallorossa e del suo allenatore.
immobiliare.it
RSS
Roma Stadio Olimpico, 01/02/2019 -


C’è chi dice che lo spogliatoio della Roma è una polveriera, c’è chi sostiene che i giocatori giallorossi sono contro Di Francesco e c’è pure chi è sicuro che la prossima partita che vedrà la Roma giocare in casa contro il Milan, rappresenti l’ultima spiaggia per l’allenatore della Roma. Tante supposizioni che talora hanno sì un fondamento di base, ma che spesso si lasciano attrarre dall’onda emotiva di un calcio in cui ogni cosa è legata ai risultati. Una cosa è certa, la Roma non può mancare al campionato italiano, proprio in virtù del suo ruolo di società che è stata capace di costruire negli anni una sua fisionomia ben precisa di squadra sempre all’altezza della situazione, riservando grandi aspirazioni in campo nazionale e internazionale. Ma ci sono alcuni spunti di riflessione in un mondo del calcio sempre alle prese con giudizi affrettati e superficiali che opacizzano le varie analisi approfondite sul perché si evidenzino crisi di gioco e risultati, che sarebbe opportuno fare prima di buttare la croce addosso all’allenatore. Dice bene il dirigente della Roma Monchi, il quale dopo la disfatta dei giallorossi a Firenze per 7 a 1 in Coppa Italia si è presentato ai microfoni dei media con voce flebile e una faccia che è l’emblema della delusione: “Scusa, scusa, scusa”. Ha ripetuto tre volte la stessa parola per significare il profondo rammarico per una prestazione che umilia la Roma e i suoi tifosi. “Loro sono quelli che soffrono di più” dice Monchi “Questo è il giorno peggiore da quando sono direttore sportivo della Roma, non ho mai visto una partita così”. Poi continua il suo pensiero: “Di Francesco non è in discussione, sono io il vero responsabile della squadra”. Un chiaro tentativo di difesa a spada tratta dell’allenatore giallorosso, cui non è giusto imputare tutte le colpe. Non si dimentichi, infatti, che per volere del presidente Pallotta che tiene molto alla parte contabile dei bilanci della società e di una gestione economica che deve essere sempre tenuta in considerazione ancor prima della parte tecnica, la Roma si è privata di due giocatori importanti che fino all’anno scorso rappresentavano i pilastri del centrocampo giallorosso; Nainggolan e Strootman, senza pensare a Salah, Rudiger e anche al portiere Alisson che per la difesa giallorossa era una sicurezza assoluta. E’ chiaro che certe cose a distanza di tempo le paghi, soprattutto se a questo smembrare un certo zoccolo duro della squadra corrispondono altri fattori come l’indisponibilità per infortunio di De Rossi, la forma precaria di Dzeko, il ritardo nel recupero fisico e atletico di Schick e l’impalpabilità di Pastore, Under e Kluivert. Non proprio cose da niente, anche se bisogna mettere in evidenza la grande fortuna della Roma di avere trovato un acquisto importantissimo in Zaniolo, il diciannovenne il cui splendido futuro è già adesso. Ma non basta, perché la squadra ha bisogno del suo insieme che non c’è perché è stato interrotto bruscamente da scelte societarie che, come abbiamo detto pocanzi, fanno capo alla propria situazione economica. E allora perché mettere in discussione Di Francesco, il quale non si è mai lamentato pubblicamente delle scelte di una Roma che l’ha privato dei suoi giocatori migliori? Noi diciamo che questo allenatore debba restare al suo posto almeno fino alla fine del campionato. Certo, la situazione è difficile, il nervosismo è imperante e aleggia in una piazza che da sempre è particolarmente sensibile agli umori dettati dai risultati della squadra, tuttavia, resta apprezzabile il sentimento di Monchi che mette in risalto il rispetto verso i tifosi che si sono sentiti umiliati al Franchi di Firenze, dopo un viaggio per nulla facile in un giornata di freddo polare che, col senno di poi, avrebbero fatto volentieri a meno di fare se solo avessero saputo in anteprima l’ingrato spettacolo offerto dai giallorossi. E’ il calcio, è la smisurata passione che porta a sentimenti eccessivi e diametralmente opposti tra loro. L’equilibrio non c’è, non esiste. Altrimenti non sarebbe calcio!

Salvino Cavallaro

Salvino Cavallaro


    Le nostre Esclusive

    notizie calcio
    Giro d`Italia: a Caltagirone la spunta il belga Wellens
    di Ivano Messineo, Mercoledì 09 Maggio 2018
    Il Conte pensiero
    di Salvino Cavallaro, Mercoledì 21 Maggio 2014
    Tosi: «Contento di aver fermato il Messina. Il Milazzo ha subito uno scippo»
    della nostra redazione, Venerdì 25 Ottobre 2013
    Tosi: «Saremo pronti per il Messina»
    della nostra redazione, Lunedì 23 Settembre 2013