MOISE KEAN, UNA FAVOLA DIVENTATA REALTÀ


Quando il calcio regala storie di vita da raccontare
immobiliare.it
RSS
Torino, 27/03/2019 -


“C’era una volta……..” Cominciavano così le favole che ci raccontavano da piccoli i nostri genitori. Erano sempre a lieto fine e soprattutto avevano il gusto di farci immedesimare teneramente al protagonista di quella storia. Era come sentirsi un po’ protetti, sicuri della presenza di mamma e papà che raccontando le favole, ci facevano sognare una vita in cui tutto appariva edulcorato dal raggiungimento dei propri desideri. E intanto si cresceva e si capiva poco per volta la differenza tra il bene e il male, ma anche il sacrificio di volere raggiungere la meta stabilita. E’ un po’ la favola di Moise Kean, giovane attaccante della Juventus e della Nazionale Italiana che fin da piccolo ha sognato di fare il calciatore. Nato il 28 febbraio del 2000 a Vercelli, Moise Kean ha da sempre avuto con il pallone un rapporto di particolare predilezione. Sua madre dice che giocava a palla anche in casa, dopo essere ritornato dai vari allenamenti e altrettante partite di calcio giocate con molto furore agonistico. Già, proprio mamma Isabelle che ha un ruolo determinante nella vita di Moise. “Ringrazio la Juventus…” dice mamma Isabelle “perché lo hanno accolto che era un bambino e me lo hanno trasformato in uomo”. Dietro queste parole c’è tanta gratitudine, ma anche tanta emozione nel ricordo di molti sacrifici fatti per far crescere Moise e l’altro figlio Giovanni nato nel 1993. Lo chiama Mosè, mamma Isabelle, perché la sua nascita è stata un miracolo. I medici le avevano detto che, dopo Giovanni, non avrebbe potuto più avere altri figli. Sono stati giorni tristi che hanno fatto piangere e pregare mamma Isabelle. Una notte ha sognato Mosè che era venuto ad aiutarla, e dopo quattro mesi è rimasta incinta di quel Mose diventato anch’egli Mosè. Poi i sacrifici di un lavoro anche notturno nelle case di cura per anziani, al solo scopo di potere portare avanti la famiglia e due figli maschi che crescevano con poche pretese ma tanta unione famigliare. Un percorso di vita cominciato nel 1990, quando Isabelle è arrivata a Vercelli dalla Costa d’Avorio e un destino che si è meravigliosamente realizzato quando Moise le ha fatto una telefonata alle 5 e mezza di notte: “ Mamma c’è una sorpresa per te. Ho firmato il contratto con la Juve, tu da oggi non lavori più e vieni a vivere con me a Torino”. E’ quella favola di cui parlavamo prima, un racconto da fare ai nipoti perché sa di storia di vita vissuta che emoziona e che ti fa pensare quanto bello sia crederci sempre fino in fondo. E adesso che Mose è diventato pure uomo copertina del nuovo corso della Nazionale Italiana di Roberto Mancini, la loro vita è magicamente cambiata. “Il gol con la Finlandia e con il Liechtenstein? Gli ho detto di continuare così, di ascoltare sempre l’allenatore e i compagni più grandi. Per una mamma è una grande soddisfazione vedere che lui ce l’ha fatta, che ha raggiunto livelli così alti, mai me lo sarei immaginato, soprattutto pensando da dove siamo arrivati”. Così ha concluso mamma Isabelle tra una lacrima d’emozione e l’altra. Una bellissima storia che sa di favola, di sogno diventato realtà. Adesso per Mose Kean si aprono le porte del suo radioso futuro. E’ giovane, ha tanto talento e, soprattutto, una maturità calcistica e umana che lo aiuterà negli anni a venire.

Salvino Cavallaro   

Salvino Cavallaro


    Le nostre Esclusive

    notizie calcio
    Giro d`Italia: a Caltagirone la spunta il belga Wellens
    di Ivano Messineo, Mercoledì 09 Maggio 2018
    Il Conte pensiero
    di Salvino Cavallaro, Mercoledì 21 Maggio 2014
    Tosi: «Contento di aver fermato il Messina. Il Milazzo ha subito uno scippo»
    della nostra redazione, Venerdì 25 Ottobre 2013
    Tosi: «Saremo pronti per il Messina»
    della nostra redazione, Lunedì 23 Settembre 2013