LITE TELEVISIVA TRA ALLEGRI E ADANI


Un siparietto di cattivo gusto
immobiliare.it
RSS
Torino, 28/04/2019 -


La furibonda lite tra Allegri e l’ex calciatore Adani è diventata virale ed ha diviso il pubblico in tanti pareri. Un siparietto improvviso che a seguito della partita Inter Juve, ha soddisfatto la curiosità morbosa di tanti tifosi dell’una e dell’altra fazione. “Non dici nulla di ragionato, di serio” ha detto Adani a Max Allegri, il quale indispettito ha risposto così: ” Stai zitto, ora parlo io…..” e Adani: “Stai zitto lo dici a tuo fratello”. Stiamo parlando di quello che dovrebbe essere il salotto delle critiche costruttive e non offensive, fatte dai professionisti dell’opinione sportiva. Non il linguaggio spesso irriverente e dai toni molto accesi che prevarica la  buona educazione nei bar sport, ma qualcosa che non ti aspetti in una televisione che dovrebbe essere maestra di comportamento al di là di ogni sottile pensiero di parte. Noi che da sempre siamo stati critici del gioco espresso dalla Juventus di Allegri, il quale pur avendo vinto il suo quinto scudetto di seguito in bianconero non ha mai convinto gli amanti del bel gioco, pensiamo che in questo caso Adani abbia esagerato nella sua parte di eterno saccente di cose calcistiche. Riteniamo che in questa circostanza abbiano sbagliato entrambi, ma il punto secondo noi è da ricercarsi in un momento di nervosismo manifestato soprattutto da Allegri. Infatti, c’è la sensazione che il mister della Juve cominci a soffrire quello che gli rimproverano da tempo molti sostenitori bianconeri, e cioè l’assenza di un gioco moderno e più consono a quelle che sono le migliori realtà europee, le quali praticano un calcio più aggressivo con chiare predisposizioni offensive prodotte da una mentalità di squadra forte nel fisico e nella corsa. Ma Allegri bada ai fatti e dice che se ti vuoi divertire puoi andare al circo, perché quando tu leggi gli annali scritti nella storia del club, ti accorgi che viene immortalata la vittoria, non come l’hai ottenuta. Ma resta il fatto che la Juve continua a non vincere da troppo tempo la Champions e questo mortifica in qualche modo un ambiente che in Italia ha vinto di tutto e di più. Tuttavia, quel “Ho vinto sei scudetti” suona come frase ripetitiva di un Allegri che ha smarrito la sua serenità e vuole mettere a tacere ogni tentativo di polemica sulla sua squadra. Troppi dubbi e pressioni su di lui fanno pensare ad un incerto futuro nella Juventus, nonostante Andrea Agnelli abbia dichiarato che lo stesso Allegri sarà l’allenatore dei bianconeri anche il prossimo anno. Storie di calcio che si ripetono. Esacerbate polemiche che si aggrovigliano e creano nervosismo, piuttosto che relazioni di vicendevole rispetto su divergenti vedute. Per questo diciamo che sulla vicenda Adani – Allegri si debba riflettere su quello che è il limite del porsi con educazione.

Salvino Cavallaro

Salvino Cavallaro


    Le nostre Esclusive

    notizie calcio
    Giro d`Italia: a Caltagirone la spunta il belga Wellens
    di Ivano Messineo, Mercoledì 09 Maggio 2018
    Il Conte pensiero
    di Salvino Cavallaro, Mercoledì 21 Maggio 2014
    Tosi: «Contento di aver fermato il Messina. Il Milazzo ha subito uno scippo»
    della nostra redazione, Venerdì 25 Ottobre 2013
    Tosi: «Saremo pronti per il Messina»
    della nostra redazione, Lunedì 23 Settembre 2013