ADDIO A FRANCO COSTA, GIORNALISTA SPORTIVO


Il giornalismo sportivo perde una storica figura.
immobiliare.it
RSS
Torino, 23/01/2018 -


Non sapevo che fosse ammalato da qualche anno, ed ho appreso soltanto da poco che è mancato domenica scorsa. Già, proprio in una domenica di gennaio in cui il sole non riesce neanche a scaldarti, al contrario di quelle tante altre domeniche pomeriggio di tanta adrenalina, in cui il calcio si giocava sempre alla stessa ora e riempiva gli stadi di tifosi e di tanti addetti ai lavori. Il giornalista sportivo Franco Costa aveva 77 anni. Nel 1980 era stato assunto dalla Rai, dove ha lavorato per oltre trent’anni collaborando anche con i maggiori giornali sportivi italiani, dalla Gazzetta dello Sport a Tuttosport, dal Corriere della Sera a Stampa Sera. Il suo volto è molto conosciuto per avere raccontato negli anni tanta Juventus e tanto Torino, tra carta stampata e immagini televisive in onda su 90° minuto, storica trasmissione Rai della domenica pomeriggio. Un professionista serio, discreto, sempre attento a non andare mai sopra le righe. Le sue interviste avevano il sapore delicato del rispetto verso il suo interlocutore. Confessioni che andavano oltre il racconto minimalista delle imprese sportive, ma capaci di mettere sempre al centro l’uomo prima ancora del campione. Forse è proprio questo che mi ha sempre conquistato di Franco Costa, quel suo essere giornalista attento a non fare domande che potessero creare banali ed evanescenti curiosità, tali da non lasciarti nulla dentro l’anima. Scoprire il personaggio nella sua interiorità, era nelle corde dell’essere di Franco Costa. Una peculiarità riservata a pochi giornalisti, cui arde sempre vivo il sacro fuoco di una professione  senza tempo, se vissuta in maniera consona all’etica e alla deontologia. Era il suo modo eccellente di fare interviste che potessero farti riflettere attraverso il racconto di storie vissute, in cui ciascun lettore avrebbe anche potuto immedesimarsi. Negli anni ha svelato tante curiosità e retroscena di casa Juventus e Torino. Tra le sue interviste più importanti c’è quella fatta all’Avv. Gianni Agnelli, ma anche a campioni di calcio come Michel Platini, Zoff e Boniek. Franco Costa è stato anche autore di diversi libri come “L’Avvocato e la Signora” e “Juve ti amo”, che richiamano la memoria dei tanti anni vissuti da giornalista al seguito della Juventus. Con la sua morte, tutti noi giornalisti perdiamo un caro amico e un esempio di grande professionalità. Ma la strada che ha saputo tracciare in tanti anni di onorata carriera non sarà dispersa nel nulla, anzi, sono sicuro che i più giovani di noi sapranno cogliere la preziosa eredità.

Salvino Cavallaro          

Salvino Cavallaro


    Le nostre Esclusive

    notizie calcio
    Il Conte pensiero
    di Salvino Cavallaro, Mercoledì 21 Maggio 2014
    Tosi: «Contento di aver fermato il Messina. Il Milazzo ha subito uno scippo»
    della nostra redazione, Venerdì 25 Ottobre 2013
    Tosi: «Saremo pronti per il Messina»
    della nostra redazione, Lunedì 23 Settembre 2013